Fitness e salute Camminatori

Barefooting: l’energia arriva camminando a piedi nudi

Barefooting, dove andare scalzi per ritrovare il contatto, con la natura, e un nuovo concetto di relax

Barefooting. Le nuove scarpe da running, quelle più tecniche e sofisticate, promettono una vestibilità barefoot. Che nient’altro significa se non “a piedi nudi”. Ecco che il meno diventa più, cioè il massimo è non sentire la scarpa: e cosa c’è di meglio che non sentirla proprio per niente perché la si toglie? La filosofia dei barefooters parte dalla riscoperta del terreno sotto di sé, puro, semplice, senza suole a fare da barriera. Dopo una lunga giornata non vediamo l’ora di sfilarci tacchi e slacciarci le Oxford, e anche i bimbi, appena possono si tolgono le scarpine: è un gesto del tutto naturale. E ora sappiamo anche che fa bene. I muscoli dell’arco plantare, la caviglia, il polpaccio si riequilibrano: ecco cos’è il sollievo immediato che si prova liberando le estremità dalle costrizioni! Perché anche la scarpa più comoda, leggera e anatomica del mondo non può competere con la sensazione di freschezza e libertà che dà il contatto del piede nudo con il suolo. Sudi recenti dell’Università della California Irvine mettono in evidenza come il barefooting abbia influenza positiva sulla circolazione e contribuisca a migliorare la qualità del sonno, un gesto semplice – e piacevolissimo - che porta tanti benefici. Naturalmente non ovunque è possibile camminare scalzi, ecco alcuni luoghi dove invece si può fare in tutta sicurezza, divertendosi!

Senso di totale libertà a Montebelli Agriturismo e Country Hotel di Caldana (GR), qui le passeggiate all’interno della tenuta, a coltivazione biologica, sono molto rilassanti. Tra i luoghi da dover assolutamente apprezzare senza alcuna suola a interrompere il flusso di energia c’è il Labirinto. Si tratta di un piccolo omaggio a Madre natura e all'Uomo, un luogo sacro e intimo dedicato alla contemplazione, la riflessione e la crescita personale dove si può camminare, ballare, pregare, cantare o semplicemente rallentare e ascoltare la quiete del silenzio. (www.montebelli.it)

Appena varcato il cancello di Villa La Tonnara di Porto Cesareo (LE), dimora di charme sapientemente ristrutturata nel cuore del Salento, ci si ritrova sulla spiaggia di Punta Prosciutto: una delle più note nella zona per le acque incredibilmente trasparenti. La sabbia è bianchissima è bianchissima e soffice sotto le piante dei piedi, tanto da poter dimenticare tranquillamente le calzature in valigia. (www.villalatonnara.com)

Nella regione più “verde” d’Italia, dove si è concentrata la vita di San Francesco d’Assisi, patrono nazionale e amato anche dai non credenti per il suo esempio di vita, si trova Antico Casale di Montegualandro e Spa, a Tuoro sul Trasimeno (PG). Una passeggiata a piedi nudi nel suo giardino, ammirando il lago che si apre alla vista, invita alla meditazione e alla ricerca interiore, donando un immediato senso di benessere. (www.anticocasale.it)

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1526885848-3-antonio-ruta.png