Dimagrimento Dimagrire senza pesare gli alimenti

Dieta Scarsdale, il menu settimanale per perdere 500 grammi al giorno

Dieta Scarsdale, come perdere 500 grammi al giorno.

Dieta Scarsdale, ecco un esempio di menu settimanale, legato alla prima fase, quella del dimagrimento, per perdere 500 grammi al giorno. Nella prima fase -che dura 14 giorni- bisogna attenersi rigidamente al menù settimanale, senza cambiare arbitrariamente l'associazione degli alimenti. Non è vincolante mangiare ogni cosa, l'importante è non fare sostituzioni o cambiamenti di propria iniziativa. La dieta è ripartita sui classici tre pasti principali, ma se si dovesse avvertire lo stimolo della fame tra un pasto e l'altro, ci si può concedere uno spuntino a base di sedano oppure carote. Ricordarsi di bere almeno due litri d'acqua al giorno. La colazione è uguale per tutti i giorni della settimana e consiste in:
Pompelmo (o un frutto di stagione non zuccherino), fetta di pane integrale, Caffè o tè senza zucchero (al limite con edulcorante a zero calorie o un cucchiaino di fruttosio). 
Ora riportiamo solo il menù originale del pranzo e della cena. Non è importante pesare gli alimenti, le quantità sono a piacere e in funzione del personale senso di sazietà.

LUNEDÌ
Pranzo
Carne magra a scelta Pomodori alla griglia o in umido Caffè/tè/tisana senza zucchero
Cena
Pesce a scelta tra: pesce spada, crostacei, frutti di mare, molluschi, insalata di pomodori e lattuga a fetta di pane integrale (ancora meglio se tostato) i pompelmo o del melone a fette (in alternativa, un frutto di stagione non zuccherino) Caffè/tè/tisana senza zucchero

MARTEDÌ
Pranzo
Macedonia di frutta Caffè/tè/tisana senza zucchero
Cena
Hamburger di carne magra alla griglia Verdure a volontà a scelta tra: pomodori, lattuga, cetrioli, sedano, peperoni, zucchine Caffè/tè/tisana senza zucchero

MERCOLEDÌ
Pranzo
Tonno (al naturale, non all'olio) o salmone condito con limone i pompelmo o del melone a fette Caffè/tè/tisana senza zucchero
Cena
Agnello o maiale magro (sgrassati) arrosto Insalata mista di verdure (lattuga, pomodori, sedano, cetrioli) Caffè/tè/tisana senza zucchero

GIOVEDÌ
Pranzo
2 uova sode Formaggio magro tipo Bocca oppure una ricottina/mozzarella magra Zucchine o cavoletti di Bruxelles a fetta di pane integrale (ancora meglio se tostato) Caffè/tè/tisana senza zucchero
Cena
Pollo (senza pelle) alla griglia o al forno Spinaci o peperoni a piacere Caffè/tè/tisana senza zucchero

VENERDÌ
Pranzo
Formaggio magro (fiocchi di latte, formaggio spalmabile light, ricotta o mozzarella magre) Spinaci fetta di pane integrale (ancora meglio se tostato) Caffè/tè/tisana senza zucchero
Cena
Pesce a scelta tra: pesce spada, crostacei, frutti di mare, molluschi Insalata di pomodori e lattuga fetta di pane integrale (ancora meglio se tostato) Caffè/tè/tisana senza zucchero

SABATO
Pranzo
Macedonia di frutta Caffè/tè/tisana senza zucchero
Cena
Pollo o tacchino alla griglia Insalata di pomodori e lattuga Pompelmo o delle fette di melone Caffè/tè/tisana senza zucchero

DOMENICA
Pranzo
Pollo o tacchino o coniglio alla griglia Verdure a volontà a scelta tra: pomodori, carote, cavolfiori, broccoli i pompelmo o delle fette di melone Caffè/tè/tisana senza zucchero
Cena
Carne di vitello (parti magre) alla griglia Verdure a volontà a scelta tra: lattuga, pomodori, cetrioli, zucchine, sedano Caffè/tè/tisana senza zucchero. 

Dieta Scarsdale, mantenimento

Terminata la prima fase di dieta dimagrante si passa alla seconda fase detta di mantenimento. È simile alla prima fase e dura anch'essa due settimane e si basa sulle seguenti sei regole.

1. Mangiare massimo 3 fette di pane integrale al giorno
2. Tè e caffè vanno zuccherati solo con dolcificanti artificiali
3. Si possono reintrodurre con moderazione carboidrati come pasta, pane e riso
4. Mangiare solo formaggi magri massimo due volte a settimana
5. Banditi tutti i dolci
6. Alcool: consentito 1 bicchiere di vino a tavola

Di seguito la lista dei cibi vietati, quella di quelli concessi e un esempio di menu settimanale di mantenimento.

I cibi vietati sono gli stessi dalla fase 1
• carni troppo grasse e salumi ricchi di grassi
• condimenti grassi come burro e olio
• formaggio molto grassi
• dolci e zuccheri tranne un paio di cucchiaini di marmellata senza zuccheri aggiunti
• pane bianco e farine raffinate

Nuovi alimenti concessi
• latte scremato
• succhi di frutta senza zucchero
• bibite senza zucchero
• pasta integrale
• riso integrale
• pane integrale o pancarré (massimo 2 fette al giorno)
• ketchup e salsa rosa come condimenti
• legumi come mais, piselli, patate, lenticchie e fagioli
• marmellata senza zuccheri aggiunti
• verdure sottaceto con moderazione
• un bicchiere di vino o birra al giorno

Permesso uno spuntino a metà mattina e uno a metà pomeriggio
• 1 yogurt magro
• 1 gelatina di frutta
• 1 macedonia di frutta
• 1 mela
• 1 tè o 1 bicchiere di latte scremato
• 1 fetta di pane con 1-2 fette di prosciutto cotto

Lunedì
Colazione
• 1 bicchiere di latte scremato senza zucchero o con dolcificante
• 1 fetta di pane integrale
• 1 arancia

Pranzo
• pollo senza pelle
• verdure alla griglia

Cena
• 3 uova
• tonno al naturale
• verdure al forno

Martedì
Colazione
• 1 frutto
• 2 fette biscottate con un velo di marmellata
• 1 yogurt
• caffè senza zucchero o con dolcificante

Pranzo
• insalata mista con tonno, fagiolini, piselli e pomodori

Cena
• pesce al forno
• verdure alla piastra
• 1 fetta di pane integrale

Mercoledì
Colazione
• 1 ciotolina di cereali integrali
• 1 tazza di latte scremato senza zucchero o con dolcificante
• 1 yogurt
• caffè senza zucchero o con dolcificante

Pranzo
•1 confezione di formaggio tipo jocca
• insalata di spinaci o altre verdure con un cucchiaio scarso d’olio
• 1 fetta di pane integrale

Cena
• pesce al cartoccio con peperoni e zucchine
• 1 fetta di pane integrale

Giovedì
Colazione
• 1 frutto
• 2 fette biscottate con un velo di marmellata
• 1 yogurt
• caffè senza zucchero o con dolcificante

Pranzo
• tacchino cotto in padella
• radicchio al forno

Cena
• formaggio magro tipo mozzarella o fiocchi di latte
• verdure al forno
• 1 fetta di pane in cassetta

Venerdì
Colazione
• 1 bicchiere di latte scremato senza zucchero o con dolcificante
• 1 fetta di pane integrale
• 2 kiwi

Pranzo
• vitello alla piastra
• zucca al forno

Cena
• 1 panino piccolo prosciutto e formaggio
• verdure miste crude
• 1 fetta di pane integrale

Sabato
Colazione
• 1 frutto
• 2 fette biscottate con un velo di marmellata
• 1 yogurt
• caffè senza zucchero o con dolcificante

Pranzo
• tofu alla piastra con salsa di soia
• cipolle al forno

Cena
• hamburger di pollo o tacchino
• insalata di carote lesse
• 1 fetta di pane in cassetta

Domenica
Colazione
• 1 bicchiere di latte scremato senza zucchero o con dolcificante
• 1 fetta di pane integrale
• 5 fragole o un paio di fette di ananas

Pranzo
• pollo alla griglia senza pelle
• insalata di lattuga e rucola

Cena
• gamberetti poco conditi
• verdure cotte o insalata verde
• 1 fetta di pane in cassetta

Perchè funziona la dieta Scarsdale

La dieta Scarsdale funziona e ha come obiettivo la rapida perdita di peso, a scapito purtroppo della varietà e dell'equilibrio dei pasti. La maggior parte delle persone che l'hanno provata hanno riportato opinioni positive. I critici lamentano la mancanza di flessibilità e pasti piuttosto noiosi. Ma per ottenere gli obiettivi di dimagrimento, chiaramente ci vuole sacrificio.
La “scarsdale diet” permette un dimagrimento fino a 10 kg.

Precauzioni e controindicazioni alla dieta Scarsdale. Chi non può praticarla

Molti nutrizionisti sottolineano che 800 calorie consentite ogni giorno non sono sufficienti per una donna sana che è moderatamente attiva, e tanto meno se fa sport o altre forme di esercizio fisico. Bisogna quindi stare attenti alle energie che la giornata ci richiede prima di affrontare questa dieta. Possono essere presenti casi di stanchezza, stipsi o diarrea, irritabilità, e un aumento del rischio di formazione di calcoli biliari.
La dieta Scarsdale è stato segnalato anche per innescare, in pazienti con una predisposizione genetica alla malattia, episodi di porfiria, un disturbo metabolico ereditario, che si caratterizza per l'escrezione di un numero eccessivo di porfirine (molecole utilizzate nella formazione del pigmento rosso che dà il colore del sangue).

L'esclusione del latte dalla dieta Scarsdale significa che la quantità di calcio assunta sarà bassa, il che può essere un rischio per le donne che sono in post-menopausa o che hanno più di 50 anni, quindi è consigliato un integratore di calcio e vitamina D.

Il profilo a basso contenuto di carboidrati comporta anche il rischio di carichi renali o problemi al fegato derivanti dalla chetosi. La chetosi è un processo metabolico che si verifica quando i carboidrati che servono al corpo come carburante vanno sotto ad un certo livello. Il corpo deve quindi quindi utilizzare le proteine ed i grassi per creare energia. Quando i grassi sono scissi, gli acidi grassi vengono rilasciati nel flusso sanguigno, vengono convertiti in corpi chetonici, che sono acidi diluiti secreti nelle urine. L'escrezione dei corpi chetonici, tuttavia, pone un carico supplementare per i reni e se la chetosi continua per lunghi periodi di tempo senza controllo medico, i reni possono lesionarsi. Ecco perchè la dieta Scarsdale non viene eseguita per più di 14 giorni alla volta.
Infine, le donne in stato di gravidanza, persone alcoliste o con diagnosticate malattie epatiche o renali non dovrebbero praticare  la Scarsdale.