Dimagrimento Perdere peso

La Dieta Proteica

La dieta proteica può facilmente essere adattata alle esigenze alimentari personali ed agli obiettivi riguardanti la propria salute.

È risaputo che le diete ad alto contenuto proteico sono sempre state molto popolari, specialmente negli ultimi anni. La loro notorietà ha sicuramente ragione d'esistere, in quanto questo tipo di dieta è in grado di offrire un apporto bilanciato di proteine magre, le quali offrono svariati benefici al nostro corpo, oltre a quello di una perdita di peso relativamente veloce. Prima di investire il nostro tempo e la nostra dedizione nel seguire una dieta proteica, però, è necessario conoscere tutti i dettagli di quest'ultima, in modo da potersi assicurare la riuscita ottimale di questo programma alimentare.

Il ruolo e l'importanza delle proteine
Le proteine fanno parte, assieme ai carboidrati e ai grassi, alla categoria dei macronutrienti, ossia quei nutrienti che rappresentano la più importante fonte energetica utile alla crescita e al mantenimento del metabolismo del nostro corpo. Il ruolo delle proteine è fondamentale, poiché esse svolgono una vasta gamma di funzioni importantissime per l'organismo. Ad esempio, le proteine sono il principale componente di muscoli, ossa, pelle e capelli. Questi tessuti sono continuamente riparati o rimpiazzati con nuove proteine. Inoltre, alcune proteine, come l'emoglobina, è responsabile del trasporto dell'ossigeno nelle cellule del nostro corpo.
Una differenza sostanziale da dover evidenziare, sta nel fatto che certi alimenti offrono un maggior apporto proteico di altri, a seconda del loro valore biologico. Generalmente, i prodotti di origine animale come uova, latte, formaggi, carne e pesce, hanno un alto valore biologico, poiché contengono tutti gli amminoacidi essenziali alle necessità del nostro corpo; hanno invece un basso valore biologico quelle di origine vegetale come riso, cereali, verdura e frutta, poiché esse non assicurano una dose adeguata di amminoacidi, a meno che non vengano unite assieme ad altri fonti proteiche, un esempio pratico può essere quello di associare la quota proteica dei cereali a quella dei vegetali (es. pasta e legumi). Oltre alla qualità delle proteine, bisogna far attenzione alla quantità che introduciamo nel nostro corpo poiché, se l'apporto proteico dovesse superare le richieste metaboliche, finiranno per produrre zuccheri e grassi.

Come seguire una dieta proteica
Seguire una dieta ad alto contenuto proteico è molto semplice, in quanto questa può facilmente essere adattata alle esigenze alimentari personali ed agli obiettivi riguardanti la propria salute. Anche una dieta vegetariana può essere proteica se si includono le uova o i latticini, oltre a dosi abbondanti di legumi e di altre proteine di origine vegetale. In ogni caso, calcolare il fabbisogno di proteine e nutrirsi di piatti ben bilanciati sono le basi per riuscire ad ottenere degli ottimi risultati dalla dieta proteica. Qui sotto è riportato un esempio di dieta proteica, tenendo presente che si tratta solo di un prototipo non adatto alle esigenze fisiche di tutti quanti e che non sostituisce una dieta fatta da un dottore.
Lunedì
COLAZIONE: due uova con una fetta di pane integrale tostato e un frutto a scelta;
PRANZO: zuppa di lenticchie più una pera;
CENA: sgombro e mix di verdure.
Martedì
COLAZIONE: frullato fatto con un una porzione di proteine in polvere, latte di cocco e fragole;
PRANZO: formaggio magro e insalata verde, più un frutto a scelta;
CENA: carne rossa con contorno di patate dolci e zucchine alla griglia.
Mercoledì
COLAZIONE: cereali con frutta di stagione e mandorle;
PRANZO: pasta al pomodoro fresco e una mela;
CENA: petto di tacchino alla piastra con contorno di scarole bollite.
Giovedì
COLAZIONE: fiocchi d'avena con yogurt magro e noci pecan;
PRANZO: pollo all'insalata e una pesca;
CENA: pesce al forno con contorno di broccoli bolliti.
Venerdì
COLAZIONE: yogurt magro con una manciata di mandorle;
PRANZO: pasta con sugo e patate con contorno di verdura a scelta, un'arancia.
CENA: salmone grigliato con sauté di patate e spinaci.
Sabato
COLAZIONE: omelette e noci pecan;
PRANZO: pasta con legumi a scelta, una mela.
CENA: pollo grigliato con contorno di quinoa e cavolini di Bruxelles;
Domenica
COLAZIONE: pancake a base di proteine in polvere al gusto di vaniglia e noci pecan;
PRANZO: spaghetti al sugo con polpette e contorno di piselli lessi;
CENA: prosciutto di maiale e insalata.
Gli spuntini sono ammessi, ma senza esagerare con le calorie. Per esempio, si può optare per uno yogurt magro, della frutta, dei biscotti frollini o anche delle fette biscottate

Perché seguire una dieta proteica a scopo dimagrante?
Dimagrire è complicato, lo sappiamo tutti, soprattutto se si considera che riuscire a perdere peso dipende da moltissimi fattori quali età, sesso, assunzione di determinati farmaci, livelli di stress e stile di vita. Questa dieta dall'alto apporto proteico, però, sembra funzionare perfettamente per tutte quelle persone che vogliono eliminare il grasso in eccesso e perdere peso in maniera veloce. La dieta proteica, inoltre, offre svariati benefici, le ricerche suggeriscono infatti che incrementare il livello di proteine nella nostra dieta ha effetti positivi sull'appetito, sul tasso metabolico, sul peso e sulla struttura corporea. Quando dimagriamo, ad esempio, perdiamo sia il grasso che i muscoli, il che porta ad un metabolismo lento. Uno degli aspetti positivi che offre questa dieta è che, essendo a base di proteine, impedirà la perdita dei muscoli e stimolerà il metabolismo veloce. Questo perché, come già detto, i tessuti muscolari sono fatti di proteine e più ne consumiamo, più crescerà la massa muscolare, ovviamente unendo la dieta all'attività fisica.
Ovviamente bisogna considerare anche l'altro lato della medaglia. La dieta proteica, infatti, potrebbe anche portare effetti indesiderati. Nonostante sia considerata innocua per persone senza nessun problema ai reni, potrebbe invece provocare gravi complicanze a chi soffre di malattie renali. Un eccessivo consumo di alimenti proteici ha, inoltre, un effetto negativo sul nostro intestino, poiché nella maggior parte dei casi in cui si decide di seguire una dieta proteica, non si assumono abbastanza cibi contenenti la fibra. Questo può causare gravi problemi di stitichezza insieme a irritazioni intestinali. Quando eliminiamo i carboidrati dall'organismo, dimagriamo molto più velocemente perché perdiamo liquidi. Quindi, senza una dose extra di carboidrati, il corpo comincia a bruciare grassi per ottenere supporto energetico, il che può portare alla chetosi, che fa perdere peso facilmente in quanto ci fa sentire meno affamati, ma la chetosi può anche causare mal di testa, irritabilità e nausea, nonostante siano sintomi che hanno breve durata.

Ruolo dell'esercizio fisico
Mangiar sano è sicuramente una scelta salutare per il nostro organismo, ma per accelerare la perdita di peso e fare in modo che la dieta proteica ci aiuti a definire il corpo, l'esercizio è un must. Quando si comincia a dimagrire, il che avviene molto velocemente, soprattutto all'inizio della dieta, si raggiunge un punto in cui il metabolismo comincia a rallentare. L'esercizio fisico, quando si tratta della dieta proteica, ha quindi una doppia valenza: fa in modo che le calorie brucino e, nel frattempo, mantiene costante il funzionamento del metabolismo. Quando poi i livelli lipidici nel nostro corpo diminuiscono, un'attività fisica quotidiana ci aiuta a sviluppare la massa muscolare.