Alimentazione Cibi dietetici

Gallette di mais, calorie e proprietà

Le gallette di mais sono degli agglomerati di cereali, un composto molto croccante, simile ai pop corn

O le si amano, oppure le si odiano. Le gallette sono sempre state un alimento molto controverso, sotto svariati punti di vista, soprattutto a causa della disinformazione circa le loro proprietà, i valori nutrizionali e i loro aspetti teoricamente nocivi. Cerchiamo quindi insieme di fare un po' di ordine sull'argomento, concentrandoci principalmente sulle gallette di mais, sicuramente meno conosciute di quelle di riso, ma ugualmente consumate e preferite da moltissima gente.

Quante calorie ha una galletta di mais e valori nutrizionali
Le gallette di mais sono degli agglomerati di cereali che, in base al tipo di cereale che si utilizza, vengono fatte espandere tramite l'ausilio di una fonte di calore più o meno intensa, per poi essere pressati in modo tale che il chicco di mais rimanga integro e non rilasci amido gelatinizzato. In seguito a vari processi, l'acqua contenuta nel suddetto chicco evapora e viene quindi eliminata, donandoci un composto molto croccante che possiamo riscontrare anche in altri cibi come ad esempio il pop-corn o anche il riso soffiato.
Per quanto riguarda i suoi valori nutrizionali e quante calorie sono contenute in una galletta di mais, per 100 gr di prodotto, si hanno all'incirca 390 Kcal, 35 kcal per galletta (10g). Insomma, si sta parlando di un alimento avente una densità calorica addirittura superiore al pane integrale (230 Kcal), ma grazie al basso rapporto tra il suo peso e il suo volume, si può mangiare in abbondanza prendendo comunque meno calorie di quante se ne assumerebbero con altri cibi. Tutte queste informazioni ci portano inevitabilmente a delle piccole considerazioni: le gallette di mais potranno anche essere un'alternativa leggera, ma non per questo salutare, a causa del processo di lavorazione a cui sono sottoposte che, usando delle temperature molto elevate, elimina totalmente l'acqua dai chicchi di mais e ne toglie tutto il contenuto vitaminico, assieme ad alcuni tipi di amminoacidi essenziali; in pratica rimangono solo i carboidrati. Inoltre, sempre a causa della mancanza d'acqua, di altri nutrienti e di fibre, l'amido diventa facilmente assimilabile e rende quindi la galletta un prodotto ad alto indice glicemico, il che, di tutta risposta, va ovviamente ad intaccare e alzare la glicemia nel nostro organismo, soprattutto poi se si fa un consumo elevato di gallette. A proposito della mancanza di fibre in quest'ultime, poi, si potrebbero creare difficoltà intestinali e costipazione a causa della secchezza dovuta ovviamente all'assenza di acqua di questo alimento.

Uso delle gallette di mais in una dieta
Apparentemente, quindi, non c'è nessun motivo veramente valido per scartare categoricamente le gallette dalla propria dieta, sempre se non se ne fa un uso sproporzionato poiché, come abbiamo potuto appurare, le calorie contenute in una galletta non sono poche, ma possono comunque essere considerate un alimento che facilita la perdita di peso. La galletta, infatti, è prima di tutto un valido sostituto del pane in quanto, essendo più leggera possiamo mangiarne di più, mentre in una dieta bilanciata dovremmo fermarci a massimo due fette di pane integrale. Si possono inoltre associare ad alimenti come affettati magri, formaggi o cibi che non contengano troppe calorie. Se poi non si vuole rinunciare al pane, le gallette possono sempre essere utilizzate come spuntino, soprattutto nel caso in cui si faccia sport, poiché forniscono carboidrati a lento rilascio, ottimi per l'esercizio fisico.

Differenze tra gallette di riso e gallette di mais
Le gallette di mais sono un'opzione di gran lunga più valida di quelle di riso. Il mais è infatti ricco di minerali come il potassio, lo zinco, il selenio, il magnesio e il calcio, senza contare che è in grado di fornire un ampio apporto vitaminico. Oltre a questo, contiene anche beta carotene e luteina, molto importanti per l'organismo. Da un punto di vista nutrizionale, entrambe le varietà di gallette non mostrano differenze sostanziali, poiché hanno quasi lo stesso apporto calorico e tutt'e due sono senza glutine. Le gallette di mais, però, posseggono un indice glicemico più basso rispetto a quelle di riso, il che le rende uno snack perfettamente bilanciato.
Una delle diversità più palesi sta sicuramente nel gusto: le gallette di mais hanno infatti una consistenza più particolare, caratterizzata principalmente dalla croccantezza del mais e da un sapore più ricco di quello che può offrire una galletta di riso, oggettivamente rinomata per non essere specialmente gustosa. Unire i sapori delle gallette di mais ad un generoso strato di cioccolata fondente, renderà il tutto uno snack perfetto e innovativo.
L'unica cosa su cui bisognerebbe porre una maggiore attenzione è il processo di lavorazione a cui sono sottoposte entrambe le tipologie di gallette. Questo, infatti, implica il trattamento termico dei carboidrati che, se non eseguito in maniera esatta, può portare alla formazione di sostanze nocive come l'acrilammide, un composto chimico che si crea negli alimenti e che può essere potenzialmente cancerogeno, con tossicità per il sistema nervoso e quello riproduttivo, quindi, cerchiamo di comprare sempre alimenti poco elaborati.

Gallette di mais e arsenico
In questi ultimi anni le gallette sono state al centro di vari dibattiti, in quanto nel 2014 si sparse la notizia che in Valle d'Aosta furono trovate gallette di mais contaminate da arsenico e quindi ritirate dal mercato, allarmando non pochi consumatori. Da quel momento, infatti, circolò la voce che tutti i tipi di gallette fossero cancerogene, in realtà si trattava di tre lotti in cui le dosi di quel particolare tipo tossina superava i livelli consentiti, e furono ritirate in soli due punti vendita. Quindi, per quanto possa essere contenuto in dosi minime, pare che l'arsenico nelle gallette non sia cancerogeno, ma gli esperti consigliano in ogni caso di limitare il consumo di gallette ed evitare l'accumulo di questa sostanza nel corpo, cercando sempre alternative valide e cercando di seguire una dieta variegata, senza soffermarsi troppo su un solo alimento.
In generale ci saranno sicuramente alimenti peggiori delle gallette, ma non ci poniamo troppi problemi nel mangiarli. Facciamo costantemente cose che possono potenzialmente nuocere alla nostra salute, mangiare una galletta di tanto in tanto, senza abusarne, non dovrebbe costituire un problema grave, soprattutto se si conduce una vita regolare all'insegna di una dieta bilanciata e del frequente esercizio fisico.