Dimagrimento Perdere peso

La dieta dei muscoli, cos'è e come funziona

La dieta dei muscoli è caratterizzata dalla ciclizzazione delle calorie e sta nell'alternare le quantità di calorie e carboidrati che consumiamo durante un periodo di sei settimane

Ad un certo punto, a chiunque abbia mai cercato di mettersi in forma sarà capitato di trovarsi nel seguente scenario: si legge di una nuova ed innovativa dieta, si decide di provarla, si perde peso, ma alla lunga il regime alimentare diventa troppo ripetitivo e faticoso da seguire, così si abbandona la motivazione e si ricomincia ad esagerare col cibo, per poi inevitabilmente riprendere peso. Per Mark Lauren, esperto di fitness, ex istruttore militare delle Forze operative speciali Usa, questo è il principale problema delle diete: scarsa varietà che causa demotivazione e l'aumento di peso. Nel suo libro "La dieta dei muscoli", Lauren introduce un concetto di dieta diverso e non una semplice rielaborazione di altre diete all'ultimo grido. Il suo approccio alla perdita di peso, strano a dirsi, implica mangiare anche più cibo di quanto non si sia abituati, variando l'apporto calorico settimana per settimana, e concentrandosi sulle performance più che sull'aspetto estetico del nostro corpo - nonostante si perdano dagli 8 ai 5 kg in sei settimane - senza rinunciare a carboidrati come cereali, riso e addirittura il pane.

Testata a livello militare
Durante i suoi anni passati a preparare fisicamente le reclute delle Forze operative speciali Usa, Lauren ha ideato un programma alimentare che fosse basato sul rafforzare e temprare il corpo dei soldati, preparandolo ad affrontare situazioni di combattimento estreme. I risultati del suo programma furono eccellenti: i soldati seguiti da Lauren, infatti, concentrandosi a fornire al loro corpo la giusta nutrizione per ciò che avrebbero dovuto affrontare, raggiungevano una forma perfetta in breve tempo e, come effetto collaterale del programma alimentare, perdevano massa grassa diminuendo di peso. Secondo Lauren, troppe diete hanno l'intento di trasformare radicalmente il nostro corpo, focalizzandosi semplicemente sull'aspetto estetico e dimenticandosi che lo scopo primario di una dieta dovrebbe essere quello di fortificare il corpo e dargli l'energia necessaria per poter fare qualsiasi tipo di sforzo. L'esercizio fisico è ovviamente importante se si decide di seguire la dieta dei muscoli, in modo da fornire, assieme al piano alimentare, tutto il carburante che serve al corpo, non solo per l'allenamento, ma anche per la concentrazione e l'attenzione che servono nella vita di tutti i giorni. Se si segue tale programma, si imparerà a gestire la quantità e le qualità delle calorie assunte, sfruttando la capacità del nostro organismo di bruciare i grassi. Vediamo quindi in cosa consiste questa dieta.

Dieta dei muscoli: la ciclizzazione delle calorie e il sistema a blocchi
La dieta dei muscoli, a differenza di altre diete più restrittive in base alle quali bisogna seguire un piano ipocalorico statico, è caratterizzata dalla ciclizzazione delle calorie, ossia ciò che Lauren definisce come "arma segreta" per la perdita di peso, che sta nell'alternare le quantità di calorie e carboidrati che consumiamo durante un periodo di sei settimane per "ingannare" il metabolismo e fare in modo che non si rallenti, tenendolo costantemente in modalità brucia grassi. Cambiando le quantità di calorie settimana per settimana, diamo modo al metabolismo di "ricaricarsi" - un processo che porta naturalmente ad ottenere una muscolatura più elastica e meno grassa che si otterrebbe tramite un regime alimentare dall'apporto calorico sempre costante. I carboidrati, tornano sul menù e al posto di essere visti come buoni o cattivi, Lauren li distingue in base al loro indice glicemico. Gli zuccheri con un carico glicemico basso, sono definiti lenti, poiché forniscono energia a lunga durata e non alzano i livelli di insulina. Quelli veloci, invece, stimolano la produzione di quest'ultima e si digeriscono più velocemente Alternando questo tipo di zuccheri si favorisce la perdita di peso grazie alla costante attività metabolica.

Quindi, durante la dieta dei muscoli si adotterà un piano diverso a seconda dei "blocchi". Durante il primo (chiamato Blocco 3, dalla durata di tre settimane), ossia il più elastico a livello alimentare, si seguirà un programma alimentare ricco di calorie in cui ci si può concedere una porzione a scelta pari alla dimensione del vostro pugno della mano tra pane, pasta, patate, riso e frutta. Per quanto riguarda il Blocco 2, che dura due settimane, si passa ad una dieta ipocalorica, e infine durante il Blocco 1, che dura una settimana, bisogna diminuire drasticamente l'apporto calorico. Il successo di questa dieta sta nel fatto che non elimina in maniera definitiva o duratura i carboidrati e le calorie, in modo che il metabolismo non si fermi e che il corpo continui a bruciare grassi e, nonostante passando di blocco in blocco si mangi sempre un po' meno, grazie alla grande varietà di cibi che si possono mangiare durante il periodo della dieta, non accuseremo sensazioni di vuotezza o necessità di mangiare più del dovuto.

Cosa mangiare durante la dieta dei muscoli
Ci sono sette diversi gruppi alimentari alla base di questa dieta: carne, pesce, uova, verdura, frutta, cereali, noci e semi. Infatti, mentre c'è un intero capitolo dedicato alle proteine per i vegetariani (e le proteine ad ogni pasto sono un must per seguire questo regime alimentare) la dieta ammette il consumo di carne rossa e addirittura di bacon, oltre a tre pasti e due snack al giorno che, secondo Lauren, aiutano a tenere il metabolismo a lavoro. Una cosa esclusa dal menù sono i latticini, poiché contribuirebbero all'aumento di peso, assieme a dolcificanti artificiali, cibo spazzatura e fast food. Anche alcuni condimenti sono ben accetti, come aceto, erbe e spezie, ma anche maionese, ketchup, salsa di soia e salsa barbecue, sempre se si sceglie l'alternativa a basso contenuto di grasso e di zuccheri.
Qualsiasi tipo di regime alimentare che implichi un aumento di metabolismo comprende per forza dell'esercizio fisico, e questa dieta non è da meno. Le regole base per seguire questa dieta, quindi, sono le seguenti:
o Proteine ad ogni pasto
o Tre pasti e due spuntini
o Favorire cibi il più possibile vicini alla loro forma originale ed evitare latticini
o Allenarsi e fare esercizio fisico
o Limitare il consumo di alcool e bere almeno due litri d'acqua al giorno
o Diminuire l'apporto calorico in base ai blocchi per tenere attivo il metabolismo
o Limitare gli zuccheri e favorire un apporto di grassi sani durante la dieta, inclusi avocado, noci e semi.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg