Dimagrimento Integratori

Dieta, la forza del chitosano, cattura i grassi, riduce il girovita

Il chitosano è come le fibre alimentari indigeribili: è in grado di assorbire acqua gonfiandosi e procurando a livello dello stomaco la comparsa del senso di sazietà

Dieta, il chitosano è una calamita cattura grassi. Questa molecola antiadipe -che si estrae dal guscio di alcuni crostacei- attrae i lipidi ingeriti, facendo assorbire di meno. Integratore eccellente per le diete dimagranti e il chitosano è un polisaccaride che negli ultimi trent'anni ha trovato impiego in diversi settori, fra cui quello farmaceutico.

Ha un'origine singolare è prodotto partendo dal guscio dei gamberetti e di altri crostacei. Ingabbia i grassi presenti nel cibo e fa sì che vengano eliminati senza essere digeriti attraendone una quantità fino a sei volte superiore il suo peso impedendo che queste vengano metabolizzati dall'intestino.

Per questo è un integratore naturale utilizzato per favorire il dimagrimento e ridurre il deposito di grassi. Anche se il suo meccanismo d'azione non è stato precisato nei di dettagli, il chitosano ha degli effetti molto simili a quelli delle fibre alimentari indigeribili: esso è in grado di assorbire acqua gonfiandosi e procurando a livello dello stomaco la comparsa del senso di sazietà.

Al termine di alcune ricerche è stata riscontrata una riduzione del peso corporeo dell'emoglobina glicata, parametro che indica la presenza di picchi di glucosio nel sangue e quindi un indice precoce del diabete. L'apporto di calorie pari a zero, e la capacità di assorbire i grassi favorendone le eliminazione rendono il chitosano un valido alleato anche per le persone con un alto livello di colesterolo, per ridurre i trigliceridi nel sangue.
 

Come potenziare l'effetto dimagrante

Solitamente il chitosano è incluso in integratori alimentari contenenti più rimedi naturali, vitamine o sali minerali (perfetta la coppia con il cromo) associati tra loro. La loro azione dimagrante può essere potenziata assumendo contemporaneamente vitamina C, una due compresse al giorno. Si consiglia l'assunzione di 800 mg di chitosano al giorno, corrispondente a una o due compresse, 15 minuti prima dei pasti principali, con acqua, per non più di sei mesi. Il chitosano è sconsigliato a chi è allergico ai crostacei.

Fa assimilare meno calorie e stimola il senso di sazietà

Il chitosano è in grado di attrarre e legare oltre il 30% dei grassi introdotti con l'alimentazione. Ciò significa che nello stomaco, a causa del pH acido, forma attorno alla struttura dei grassi una sorta di involucro isolante che li intrappola e fa sì che essi non vengano idrolizzati dagli enzimi del pancreas. Questo non va tradotto però in "mangio grassi a volontà tanto poi prendo il chitosano che mi aiuta a espellerli". In realtà questo integratore alimentare è efficace se associato a una dieta a ridotto contenuto calorico. Un altro vantaggio è che, trattandosi di fibra alimentare solubile, si espande nello stomaco dando una sensazione di pienezza che aiuta a tenere sotto controllo la fame nervosa. E' utile anche per ridurre i trigliceridi per ripulire il sangue dal colesterolo.