Alimentazione L’alimentazione AntiAge

Per difendere le cellule dal tempo che passa prendi l’Astragalo

L’astragalo migliora le performance del cuore, favorisce l’elasticità dei vasi sanguigni, facilita il sonno e potenzia concentrazione e memoria

In Occidente questa pianta veniva utilizzata per “rigenerare” il Qi, la nostra energia vitale. La fisioterapia moderna, invece, la consiglia perché protegge i telomeri, le parti del Dna che sono garanzia di giovinezza.

L’astragalo è una radice che è usata da moltissimi anni in Oriente, dove viene consigliata soprattutto per stimolareil Qi, l’energia vitale che anima i corpi e li rende vivi e vitali. La fitoterapia moderna e studi scientifici recenti sembrano suffragare quest’azione antiage dell’astragalo che avrebbe la proprietà di proteggere i telomeri ( le parti terminali del Dna cellulare), rallentando così l’invecchiamento dovuto ai problemi di replicazione del patrimonio genetico.

Sono state isolate alcune sostanze come il cicloastragenolo, che si sta dimostrando efficace proprio per evitare l’accorciamento dei telomeri che più lunghi si mantengono, più conservano lunga e sana la nostra vita.

La soluzione giusta per sentirsi al massimo

Ricorrere all’astragalo come antietà è dunque una buona soluzione, ma farlo a Febbraio lo è ancora di più. Sentirsi al massimo sembra costare uno sforzo maggiore. Ma grazie all’astragalo potrai attingere a tutte le tue energie, sentirti in forma e rinforzare le tue difese immunitarie, riducendo il rischio di influenza e raffreddori.

A rendere l’Astragalo il rimedio giusto contro questi malesseri di stagione sono gli astraglucani, polisaccaridi che stimolano la risposta dei linfociti T, fondamentali per combattere virus e batteri, e le saponine, che aumentano l’attività dei linfociti NK (natural killer).

E come se non bastasse, nell’elenco delle sue qualità va aggiunto il fatto che l’astragalo migliora le performance del cuore, favorisce l’elasticità dei vasi sanguigni, facilita il sonno e potenzia concentrazione e memoria.

Se ti ammali spesso, associalo a un succo verde:

L’astragalo ha un grande potere antiinfiammatorio e immonustimolante, che lo rende il rimedio più indicato per i primi freddi. Per questo si rivela un potente alleato nel caso in cuci ti capiti di soffrire, più volte durante l’inverno, di raffreddore, mal di gola, naso che cola, stati influenzali. Per aumentare questo suo potere, prendi una capsula di astragalo con un succo verde, ottenuto frullando due kiwi, una manciata di rucola e un cucchiaino di mie, per fare il pieno di minerali e vitamine immunoprotettive.

Come mantenimento puoi assumere l’astragalo in tazza: fai bollire per dieci minuti un cucchiaino di radice essiccata in 250 ml di acqua. Spegni, lascia in infusione per dieci minuti, poi filtra e bevi.

Puoi trovare l’astragalo in erboristeria o in farmacia. La forma più concentrata è in capsule di estratto secco. Puoi assumerlo per tutto il mese (non insieme ad altri integratori): la posologia varia a seconda dei prodotti, ma in genere è sufficiente una capsula al giorno, da prendere con acqua, preferibilmente ai pasti. L’astragalo è un rimedio sicuro, ma è meglio non prendere questa radice in associazione a farmaci immunopressori, antivirali o anticoagulanti.