Dimagrimento Perdere peso

Ecco la dieta che in cinque giorni riduce il girovita

Un consumo frequente di legumi, tre-quattro volte a settimana, aiuta a ridurre il girovita

Contro il grasso addominale la scelta dei cibi che metti in tavola è determinante. Ecco allora alcuni suggerimenti per impostare la propria alimentazione di ogni giorno. Le fibre utili per perdere peso a livello addominale sono naturalmente presenti nei cereali, ma solo in quelli integrali. Particolarmente consigliata l'avena, che in uno studio della Chung-Shan Medical Uni­versity di Taiwan ha dimostrato di favorire la perdita di peso e di migliorare il rapporto vita fianchi. Un consumo frequente di legumi, tre-quattro volte a settimana, aiuta a ridurre il girovita. Ceci, fagioli, piselli e famiglia oltre a fornire proteine snellenti e una buona quantità di fibre, aumentano il senso di sazietà, consentendo di ridurre le porzioni. Mirtilli, more e poi pompelmo, arance ma anche il cioccolato, contengono flavonoidi che abbassano l'enzima HDS, precursore del cortisolo e presente nelle cellule adipose addominali. Ogni giorno mangia 100 g di frutti di bosco o agrumi, mentre per il cioccolato sceglilo con l'80% di cacao e non andare oltre i 16 grammi.

Le mandorle apportano proteine, grassi buoni e calcio, minerale efficace per ridurre il grasso addominale. Mangiane tre o quattro al mattino o come snack. Secondo una ricerca della Pennsylvania State University, a parità di calorie, chi consuma come spuntino le mandorle registra un minor accumulo di grasso a livello addominale.

Effetti più rapidi con la forskolina

Da una pianta aromatica di origine indiana, il Coleus forskohlii, si ottiene un estratto brucia grassi utile contro il grasso localizzato sul punto vita. Il principio attivo è la forskolina, che favorisce lo scioglimento del grasso immagazzinato nel tessuto adiposo e riattiva il metabolismo stimolando il rilascio di ormoni tiroidei. La si trova in capsule, sia da sola sia in associazione con altre erbe brucia grassi. La posologia è in genere di una capsula al giorno a stomaco vuoto.

LUNEDI’:

Colazione: 30 g di fiocchi d'a­vena in una tazza di latte di soia con mezza pera a tocchetti e un cucchiaino di cacao amaro; tè o caffè.

Pranzo: insalata di ceci (150 g cotti ) e spin a ci condita con olio, peperoncino e semi di sesamo.

Cena: una frittata fatta con due uova, un'insalata con fagiolini e una patata piccola.

Spuntini: a metà mattina 100 g di frutti di bosco; a metà pomeriggio uno yogurt magro.

MARTEDI’:

Colazione: uno yogurt con 30 g di fiocchi d'avena (ammollati in acqua la sera prima) e 50 g di lamponi: tè o caffè.

Pranzo: 70 g dì penne integrali con radicchio saltato e 4 noci. Cena: un piatto dì minestrone; 100 g di salmone e bietole lessate e ripassate in padella con succo di limone, un cucchiaino di curcuma e semi di cumino.

Spuntini: a meta mattina tre fette di ananas; a metà pomeriggio 3 noci.

MERCOLEDÌ: 

Colazione: due gallette di grano saraceno con un velo di crema di nocciole: tè o caffè.

Pranzo: orzo (80 g) con verdure saltate e gamberetti ( 50 g); una porzione dì verdure grigliate.

Cena: minestra dì lenticchie rosse; verdure saltate in padella con 50 g dì ricotta.

Spuntini: a metà mattina un succo di pompelmo: a metà pomeriggio 5 mandorle.

GIOVEDI’:

Colazione: uno yogurt con 30 g di fiocchi d'avena (ammolla ti in acqua la sera prima) e 50 g di frutti di bosco; tè o caffè.

Pranzo: 60 g di grano saraceno o di quinoa con 40 g di ceci con pomodorini secchi, un cucchiaio d'olio e una grattugiata di buccia di limone bio.

Cena: vellutata di zucchine e 200 g di sogliola al cartoccio con indivia in padella.

Spuntini: un frutto e 3 mandorle; a metà pomeriggio uno yogurt magro.

VENERDI’:

Colazione: 30 g di fiocchi d'avena in una tazza di latte di soia con mezza pera a tocchetti e un cucchiaino di cacao amaro; tè o caffè.

Pranzo: un piatto di pasta (80g) e ceci privi della pellicina (100 g); un'insalata mista.

Cena: 150 g di pollo con ver­dure miste al vapore; 30 g di pane integrale.

Spuntini: 16 g di cioccolato all'80 %; a metà pomeriggio uno yogurt magro.

E ogni sera, la tisana dolce.

Gli zuccheri serali sono ancora più ingrassanti. Ma spesso è proprio di sera che viene la voglia di dolce. Ti aiuta questa tisana: in 250 ml di acqua bollente metti un cucchiaino di cacao amaro, una punta di zenzero in polvere, i semi di una bacca di cardamomo e un pizzico di cannella. Lascia in infusione 5 minuti, filtra e bevi. In alternativa poni in acqua un cucchiaino di un mix con parti uguali di fiori di camomilla e fiori d'arancio e un pizzico di cannella.