Fitness e salute Profumi

Gli oli essenziali di stagione per stare al meglio

Gli oli essenziali racchiudono, distillato in poche gocce, il potere delle piante

Per affrontare bene la fine dell’inverno ti presentiamo una squadra di “distillati” di piante che, utilizzati sul corpo e diffusi nell’aria, dissolvono irritabilità e problemi. Così sboccia la parte più bella di te. La coda dell'inverno è sempre insidiosa. Ci sono an­cora gli strascichi dell'influenza, può emergere una certa stanchezza, si avrebbe la voglia di liberarsi dal buio e dal freddo. Però secondo le tradizioni antiche, marzo è anche il mese che prepara alla rinascita. Il nostro corpo ha bisogno di calore, di cure e attenzioni e nulla ci dà tutto questo come gli oli essenziali, che racchiudono, distillato in poche gocce, il potere delle piante. L'aromaterapia è uno splendido modo per prendersi cura di sé, soprattutto perché ci fa sperimentare l'unità di mente e corpo di cui siamo f atti. Un profumo stimola gli organi di senso, ma parla direttamente alla parte rettiliana del nostro cervello, e quindi, attraverso l'ipotalamo, a tutto l'organismo. Anche applicati sulla cute, gli oli essenziali sono efficaci, perché hanno principi attivi molto concentrati. Ecco allora una selezione di olii essenziali da utilizzare per sentirsi al meglio in questo periodo dell'anno.

Per una mente brillante ci vuole il limone

Il limone porta con sé l'energia del sole e il suo olio essenziale dal profumo fresco e leggero è una vera e propria sveglia per la mente. È quello che ci vuole se ti sembra di non riuscire a ricordare tutto o se al lavoro ti senti confusa e poco efficiente. Quest'olio essenziale è un tonico del sistema nervoso, stimola la concentrazione e attenua la stanchezza psicofisica.

Come fare: se ti è possibile diffondilo nell'ambiente, oppure fanne cadere qualche goccia su un fazzolettino da annusare quando ti senti mentalmente affaticata. Puoi utilizzare l'olio essenziale di limone anche per farti una doccia tonificante al mattino che ti predisponga alla giornata: mettine due o tre gocce in una noce di detergente neutro, quindi massaggia il corpo, agirà anche sull'umore.

L’olio di ravensara per riaccendere l'allegria

Quando ci sentiamo meno giovani del solito il colpevole è uno solo: lo stress. Ma per contrastarne gli effetti puoi contare sull'olio essenziale di ravensara, ottenuto dalle foglie e dai rametti freschi di un albero della foresta del Madagascar. E' l'olio cui affidarsi dopo una giornata storta, dopo un litigio, o un imprevisto che ha scombussolato i tuoi programmi. Quest'olio, dal profumo speziato, è rasserenante, allontana nervosismo e stanchezza.

Come fare: la sera aggiungi 2 gocce di olio essenziale di ravensara a un cucchiaio di olio di mandorle e pratica un massaggio rilassante sul torace, poiché è la zona in cui è localizzato il cuore che, quando è libero e non affannato, ''produce'' rilassamento e allegria.

L’olio di vaniglia, l’aroma che serve per tornare bambini

Il sistema limbico che nel nostro cervello "registra" gli stimoli olfattivi gestisce anche i ricordi. Per questo ci sono dei profumi che, in un attimo, cancellano gli anni che sono passati. Un esempio è proprio l'olio essenziale di vaniglia. Il suo aroma, che nella memoria olfattiva è legato ai ricordi infantili dei dolci fatti in casa, produce un senso di appagamento psicofisico che lenisce tensioni e frustrazioni, conforta i sensi e aiuta a tenere sotto controllo la fame nervosa, che spesso si scatena nei periodi di lavoro intenso. Inoltre, poiché alcune molecole dell'essenza di vaniglia sono affini ai feromoni umani, avvolgersi nel suo aroma risveglia la sensualità.

Come fare: profuma la casa versando 5 gocce di olio essenziale di vaniglia in un bruciaprofumi, e non dimenticare di massaggiarne una goccia sui polsi.