Alimentazione Per gli studenti

Dieta per favorire la memoria e la concentrazione

Ecco gli alimenti che più aiutano il funzionamento del cervello

Durante i cambi di stagione, capita spesso di essere più affaticati, avere un senso di sonnolenza e di spossatezza e capita di essere meno concentrati.

Duranti i periodi in cui siamo più stressati è consigliabile bere tanta a acqua anche una disidratazione leggera determina confusione mentale e affaticamento celebrale.

Sicuramente fare degli esercizi per allenare la memoria può aiutare. Basterebbe anche tentare di ricordare qualche numero telefonico in più. Prima dell’avvento della tecnologia, eravamo obbligati a tenere la memoria più allenata, perché non c’era la rubrica del cellulare a salvarci la vita quando ci serviva un numero telefonico per lavoro o la vita privata.

Ma un elemento fondamentale per aumentare la memoria è sicuramente l’alimentazione, intesa sia come abitudine sia come scelta di quello che portiamo in tavola. Il primo consiglio su come aumentare la memoria, è quello di stimolarla con un giusta dieta alimentare per favorire la memoria e concentrazione.

Durante i periodi di maggiori stress o durante i periodi di cambio stagione è consigliabile mettere da parte i cosiddetti cibi raffinati e fare posto ai cibi integrali, come i cereali che rilasciano il glucosio in modo lento e costante, in modo da dare la giusta energia al cervello senza però aumentare i livelli di glicemia nel sangue. Tutti sappiamo che il cibo è il mezzo con il quale riforniamo il nostro corpo di energia, ma forse è meno noto che uno dei maggiori “consumatori” di questa energia è il nostro cervello.

Per stimolare la memoria con l’alimentazione è importante intanto rispettare i pasti giornalieri, a partire dalla colazione che è quello più importante, perché viene dopo tante ore di digiuno. Poi andrebbero evitate pause lunghe tra un pasto e l’altro, fare piccoli pasti ripetuti garantisce l’afflusso continuo del glucosio al cervello, facilitando il corretto “funzionamento cerebrale”.

A questo proposito è bene sempre ricordare quali sono gli alimenti che più aiutano il funzionamento del cervello.

Pesce azzurro: Sgombri, alici e sardine sono tra gli alimenti più ricchi di Omega 3, gli acidi grassi che svolgono una funziona specifica sul sistema nervoso centrale e sullo sviluppo. Sono fondamentali in infanzia e in adolescenza, perché nella fase di sviluppo e di apprendimento si immagazzinano più facilmente dati nella memoria, facendola funzionare meglio.

Il Tè verde: Potete berne fino a quattro tazze al giorno. Migliora le performances del cervello. Inoltre, secondo una ricerca della Mc Master University in Canada, il suo antiossidante più noto, l’epigallocatechina, potrebbe fermare l’Alzheimer, impedendo la formazione delle placche di beta-amiloide probabili cause della malattia.

Cioccolato: Per potenziare la memoria il consumo di cioccolato è un ottimo alleato. Ma il Cioccolato fondente almeno al 70% e senza zucchero: 10-15 grammi al giorno di questa prelibatezza recano benessere riducendo stress, infiammazioni e malumore.

Curcuma: Aggiungete alla vostra dieta alimentare quotidiana, la curcuma. La curcuma è in grado di favorire la rigenerazione dei neuroni e mantiene giovane il cervello. Uno o due cucchiaini al giorno sono la giusta dose.

Spinaci. Introducete almeno due volte alla settimana gli spinaci. Gli spinaci contengono l’acido folico necessario per il funzionamento del sistema nervoso e per la trasmissione degli impulsi nervosi. Una porzione da 200 grammi tre volte a settimana può bastare.

Agrumi: Consumate quotidianamente gli agrumi e prediligete quelli di stagione. I limoni, le arance, i pompelmi, il lime, i mandarini, i mandaranci, mapo consumati regolarmente è collegato diminuiscono sull’ incidenza delle demenze, Alzheimer compreso, questo secondo uno studio giapponese della Tohoku University. Consumane uno anche tutti i giorni, scegliendolo tra quelli di stagione.

Frutta secca: Per l’ottimo contenuto di acidi grassi e altri nutrienti, la frutta secca favorisce le funzioni del cervello e del sistema nervoso. Grazie alla fenilalanina, una sostanza che aiuta il cervello a produrre dopamina, adrenalina e noradrenalina, ti aiutano a migliorare non lo la memoria e anche la capacità di concentrazione ma la frutta secca è ottima anche per superare i problemi di depressione.

Tra gli alimenti per la memoria ci sono anche i semi di girasole: grazie alla vitamina B sono una fonte di nutrimento eccellente per il cervello e aumentano la memoria e la funzione cognitiva. A fare buona compagnia ai semi di girasole come alimenti ricchi di vitamina B, ci sono anche le noci, il germe di grano e le arachidi.

Tra i legumi, le lenticchie sono un’ottima fonte di proteine di buona qualità (6.9 gr per 100 gr di prodotto) e di carboidrati (16,3 gr per 100 gr di prodotto). Hanno un alto contenuto di ferro, un sale minerale responsabile del trasporto di ossigeno nel corpo e nel cervello e di vitamina B1 (Tiamina), utile per favorire la memoria e la concentrazione.

I consigli di alimentazione di Ragusanews

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1553784712-3-piccolo-principe.jpg